La pratica di Vipassana

La meditazione Vipassana si impara partecipando ad un corso residenziale di dieci giorni.

I corsi hanno un programma molto intenso e si svolgono, per i primi nove giorni, in completo silenzio. Prima del corso tutti i partecipanti ricevono informazioni sulle regole, le disciplina e l'orario giornaliero, che è stato strutturato per creare le condizioni migliori per l'apprendimento della tecnica. I corsi di dieci giorni sono la base necessaria per essere in grado di praticare la meditazione quotidianamente e di integrarla nella propria vita. La tecnica è facile da comprendere e non implica alcun rito o rituale; può essere praticata da persone di ogni età e non richiede alcuna particolare preparazione o esperienza precedente.
Ma, come ben specificato negli opuscoli che gli interessati ricevono quando chiedono informazioni sui corsi, Vipassana è una tecnica molto seria, che implica impegno e duro lavoro e non ha nulla a che fare con "esperienze o viaggi strani", con particolari stati di piacere o d'estasi, con stati mentali alterati.

Vipassana offre la possibilità di conoscere i condizionamenti e le negatività della propria mente, permettendo, con il tempo, di eliminare le tensioni accumulate, di modificare i comportamenti e gli schemi di vita che procurano sofferenza. Per questo è necessario che i partecipanti godano di salute mentale e fisica stabile ed abbiano la determinazione di osservare le regole e la disciplina per intraprendere seriamente l'esperienza. Nonostante il lavoro duro che si fa durante i corsi osservando la propria mente, la maggior parte dei partecipanti scopre che questi ritiri permettono di recuperare nuova energia per affrontare la vita quotidiana.